Genova è la città che non ti aspetti, è la grande Repubblica Marinara. E’ una città autentica, con un’anima accogliente e cosmopolita, tutta da scoprire: dal centro storico al Porto Antico fino ai vicoli cantati da De Andrè gustando la focaccia e l’ottimo pesto genovese.


Tre giorni a Genova: cosa vedere 

Genova è una città bellissima, è la Superba. Imponente e grandioso, il capoluogo ligure è ricco di antichi tesori e bellezze architettoniche e paesaggistiche ma soprattutto ricco di tante specialità gastronomiche come il pesto e la focaccia. Genova è la sesta città più grande del paese e ospita tra le sue strade fastosi palazzi, piazze e chiese di grande interesse storico e artistico. La città ha anche giocato e gioca un ruolo importante nel commercio marittimo grazie al suo grande Porto. Ci sono molte ottime ragioni per visitare Genova e questo che percorreremo sarà un itinerario davvero speciale tra arte e mare per scoprire cosa vedere in 3 giorni. Sei pronto a partire per la Superba? Ecco la top 10 dei posti da visitare.

(porto antico di Genova)

Il Porto Antico

Iniziamo questo tour della Signora del mare, così come la chiamava il poeta Francesco Petrarca, dal Porto Antico. Su una superfice di 230.000 metri quadrati, è la parte più affascinante di uno dei progetti più grandi d’Italia: il GOA. Adibito a quartiere abitativo, è una parte del porto di Genova, il più grande ed importante porto italiano, nonché il più famoso scalo marittimo. Passeggiare nell’area completamente pedonale del Porto Antico è un’esperienza imperdibile quando si arriva a Genova per vivere e fruire a pieno degli spazi gioco, dei locali, delle banchine e delle attrazioni più importanti. Il Porto Antico riprogettato a centro turistico, culturale e di servizi è stato restaurato nei primi anni 90 del XX secolo dall’architetto Renzo Piano. Nell’area del Porto Antico è presente e attivo un efficiente servizio di informazioni e accoglienza turistica con persone gentili e preparate che risponderanno a tutte le vostre domande.

(Biosfera)

L’ Acquario di Genova e la Biosfera 

All’interno del quartiere del Porto Antico si trovano molti edifici di interesse artistico e culturale, tra i quali il famosissimo Acquario di Genova. E’ il più grande acquario d’Europa, un vero e proprio museo vivente, e ospita circa 6.000 esemplari marini di oltre 600 specie. È un’area espositiva affascinante e unica, resa ancora più spettacolare grazie alla vasca dedicata ai delfini. L’Acquario di Genova è una delle attrazioni principali per bambini e ragazzi che rendono Genova particolarmente conosciuta e famosa. Visitarlo, è davvero una bellissima esperienza educativa, formativa ma anche divertente e interessante per gli adulti. All’interno dell’Acquario di Genova oltre a visitare le tante specie marine si può visitare un pallone espositivo gigantesco: la Biosfera, una sfera in vetro e acciaio dove vivono indisturbate una gran quantità di animali come farfalle, iguane e diversi vegetali tropicali, che riescono a vivere grazie al clima creato appositamente all’interno del grande pallone. La Biosfera è stata progettata anch’essa da Renzo Piano, ed è stata inaugurata nel 2001 in occasione del vertice del G8. L’Acquario di Genova e la Biosfera sono aperti tutto l’anno e sono visitabili in 2 o 3 ore. Gli orari di apertura sono dal lunedì al venerdì dalle 11:00 alle 19:00 con ultimo ingresso alle 17:00 e nei weekend e giorni festivi dalle 09:00 alle 20:00 con ultimo ingresso alle 18:00. E ricordati di non bussare su i vetri, non dare cibo agli animali o gettare oggetti nelle vasche e per le foto,scattale ma senza flash!

(Porto Antico al tramonto)

Galata Museo del Mare e il Sommergibile Nazario Sauro 

Il Porto Antico ti stupisce ancora una volta con due incantevoli posti da visitare. Il Galata Museo del Mare, inaugurato nel 2004, si trova nel Palazzo Galata, ed è un museo a cinque piani che racconta dalla Genova Repubblica Marinara ai documenti autografi di Cristoforo Colombo fino agli equipaggiamenti e arsenali. Ospita diverse sale interattive nelle quali capire la navigazione in tempi non moderni dei nostri antenati e numerose sale dedicate al commercio marittimo e ai transatlantici. Il museo ha altissimi standard di modernità e una splendida terrazza che si affaccia sulla città e offre anche una sala per mostre, una libreria e una caffetteria. È sede, infine, di scuole, favorite anche dalla vicinanza del polo museale con la stazione di Genova Principe e la prossimità della fermata della metropolitana “Darsena”. Di fronte al Galata Museo del Mare è presente un altro museo, si tratta di uno spazio espositivo galleggiante: il Sommergibile Nazario Sauro, un vero e proprio “prolungamento” del Galata Museo molto suggestivo e affascinante. Salire a bordo e immedesimarsi nella vita dei marinai, dei passeggeri e dei migranti di ieri e oggi è un’esperienza straordinaria. Il sommergibile Nazario Sauro S518 è l’unico sottomarino italiano visitabile in acqua per sperimentare le condizioni di vita dei sommergibilisti. Navigare nella storia con l’esperienza emozionante del Galata Museo del Mare, il più grande museo marittimo del Mediterraneo e visitare il sommergibile sarà difficile dimenticarselo. Il museo è aperto dal martedì al venerdì dalle 10:00 alle 18:00 con ultimo ingresso alle 17:00 e il sabato, la domenica e i festivi dalle 10:00 alle 19:00 con ultimo ingresso alle 18:00.

(Lanterna)

La Lanterna 

La Lanterna di Genova è il simbolo della città, la sua anima. È il faro più alto d’Italia e del Mediterraneo, il quinto nel mondo e il secondo in Europa dopo il Faro dell’Île Vierge, nel dipartimento francese di Finistère, con i suoi 77 metri di altezza e ad una quota di 117 metri sul livello del mare.  E’ costruito su uno scoglio e mantiene la sua struttura attuale dal 1543 nel pieno del periodo medievale. L’edificio consiste in una torre su due ordini di sezione quadrata con una terrazza alla sommità di ciascun ordine. La Lanterna, in tutto il suo splendore, è il faro più antico d’Europa, fra quelli ancora in attività e ATTENZIONE: non chiamarla FARO, lei è la LANTERNA! È possibile visitare il complesso monumentale tramite visite guidate e il monumento rimane chiuso in caso di forti temporali o allerta meteo ARANCIONE.

(Bigo)

Il Bigo 

Guardare Genova e le sue bellezze dall’alto è un’esperienza unica da provare e la si può fare grazie al Bigo, un ascensore panoramico circolare e rotante sul mare che regala una vista a 360°sulla città davvero spettacolare. Questo monumento moderno in metallo, la cui base è in acqua, è stato progettato da Renzo Piano in occasione dell’Expo di Genova del 1992 e ricorda le antiche gru che movimentavano le merci in porto. Nella cabina dell’ascensore sono presenti dei pannelli fotografici illustrativi e una voce guida con sottofondo musicale, che dà indicazioni sui campanili, sulle torri, sui caratteristici tetti di ardesia, sugli edifici antichi e moderni che emergono dal labirinto dei “caruggi” di Genova. Una vista sorprendente, a un’altezza di 40 metri, che offre uno sguardo unico sulla città. Il Bigo è aperto tutti i giorni dell’anno il lunedì dalle 17:00 alle 22:00 e da martedì alla domenica e nei giorni festivi dalle 10:00 alle 12:00 e dalle 17:00 alle 22:00 e la partenza è ogni 10 minuti.

(Cattedrale di San Lorenzo)

La cattedrale di San Lorenzo 

Passeggiando dal Porto Antico verso la caratteristica via San Lorenzo ci si imbatte nella Basilica della città di Genova, la cattedrale di San Lorenzo. È la chiesa più importante della città, risale al XII secolo e custodisce le ceneri del patrono della città San Giovanni Battista, giunte a Genova alla fine della Prima Crociata. Attorno al duomo dei genovesi e alle raffigurazioni della facciata della Basilica, circolano storie curiose e leggende affascinanti, sin dal periodo medievale, dove il sagrato è diventato sempre più un palcoscenico fondamentale per la vita politica e civile della città. Della facciata della cattedrale si possono ammirare i suoi portali gotici sovrastati da bassorilievi e altorilievi e lateralmente due leoni risalenti alla metà dell’Ottocento, mentre al suo interno, si mescolano vari stili artistici. Gli affreschi delle volte a botte e le opere architettoniche stupiscono anche il visitatore più distratto, che si troverà in un’atmosfera unica e sorprendente. Una curiosità: all’interno della cattedrale, nella navata destra, è presente la copia esatta di un ordigno inesploso. La granata fu sparata nel 1941 dalla flotta britannica nel corso di uno dei peggiori attacchi sferrati contro Genova durante la seconda guerra mondiale e precipitò dentro la cattedrale dal tetto della stessa, ma mai esplosa (e qui le leggende si sprecano). Una splendida chiesa da visitare nel cuore di Genova, un vero e proprio gioiello artistico che è sopravvissuto alle epoche e alle genti. Il Duomo è aperto dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 12:00, i weekend chiuso. Per visitare la cattedrale è consigliabile prenotare un tour per non trascurare anche il Museo del Tesoro, in cui si accede dall’interno della cattedrale, e il vicino Museo Diocesano.

(Interno Palazzo Ducale)

Palazzo Ducale 

A pochi passi dalla cattedrale di San Lorenzo si può continuare il tour di Genova visitando il Palazzo Ducale che è uno dei luoghi storici più simbolici della città. Risalente al XIII secolo, è stato la residenza del Doge e oggi è il principale centro di produzione culturale della città. Il Palazzo Ducale ospita tutto l’anno mostre d’arte, convegni, festival e attività didattiche. Da non perdere assolutamente la visita alla stanza del Doge, alla cappella dogale, alla torre Grimaldina e alle carceri. Il Palazzo Ducale è aperto tutti i giorni dalle 07:00 alle 23:00 e per le mostre e gli eventi, che hanno un proprio orario, consultare le pagine dedicate.

(Piazza Dee Ferrari e Fontana di Bronzo)

Piazza De Ferrari e il Teatro Carlo Felice 

Continuando a passeggiare e percorrendo via Dante si arriva nella piazza più famosa di Genova, Piazza De Ferrari, dedicata a Raffaele De Ferrari, duca di Galliera, generoso benefattore che nel 1875 donò una notevole somma di denaro per l’ampliamento del porto. Al centro è presente la monumentale fontana di bronzo, opera dell’architetto Cesare Crosa di Vergagni, del 1936 e posta di fronte ad uno degli ingressi di Palazzo Ducale. Piazza De Ferrari è centro di eventi, manifestazioni e della movida cittadina. Vicino a Piazza De Ferrari si può ammirare il Teatro Carlo Felice, il teatro dell’opera cittadino, sede di stagioni liriche, concerti e negli ultimi anni ha ospitato anche concerti di musica pop, musical e compagnie di balletto moderne. Il teatro venne inaugurato il 7 aprile 1828, in presenza dei reali del Regno di Sardegna, appunto Carlo Felice e la regina Maria Cristina. Una leggenda narra che a Torino, il musicista genovese Paganini si era rifiutato di concedere il bis al Re Carlo Felice e che quindi, anni dopo, il teatro sia stato dedicato al Re, nella speranza di calmare le sue ire nei confronti della città. Conoscere il teatro di Genova, non solo dal punto di vista del programma, ma anche dal punto di vista della storia, struttura e architettura è un’esperienza sicuramente molto interessante. Il teatro organizza anche degli open day per poter visitare liberamente tutti gli spazi e visite guidate dietro le quinte. La biglietteria del teatro è aperta dalle 11:00 alle 18:00 dal martedì al venerdì, mentre il sabato è aperta dalle 11:00 alle 16:00. Insomma, se in questi tre giorni di visita a Genova vuoi passare una serata diversa e di alta classe, all’insegna della musica sinfonica e dell’opera, il Teatro Carlo Felice fa al tuo caso. Se parti dalla stazione centrale di Piazza Principe puoi anche raggiungere il teatro anche a piedi, ma solo se cammini con piacere: ci vorranno solo 20 minuti.

(Esterno Stazione Principe)

Villa del Principe – Palazzo di Andrea Doria 

Se si vuole toccare con mano l’antica storia nobiliare dei Doria basta visitare il fastoso Palazzo del Principe che si trova a pochi metri dalla Stazione Principe e dalla stazione Marittima dove attraccano le navi da crociera. È facilmente raggiungibile a piedi dal centro città, attraverso il Centro Storico, o in metropolitana. Il Palazzo di Andrea Doria è la più ricca dimora nobiliare di Genova, la Villa dell’unico Principe che Genova abbia mai riconosciuto. Costruita a partire dal 1528 in una delle zone più belle della Genova del Cinquecento. È stata di fatto l’unica “reggia” di una città repubblicana, un museo ricco di tesori e di opere d’arte tra cui affreschi, arazzi e arredi lignei. La villa ha degli splendidi giardini monumentali, delle vere e proprie opere architettoniche, con la magnifica fontana del Nettuno di Taddeo Carlone simboleggiante l’Ammiraglio Doria. Con la costruzione della ferrovia e l’ampliamento del porto alla fine dell’800 e la costruzione dell’albergo Miramare e della Stazione Marittima agli inizi del 900 i giardini subirono delle modifiche. Nel 1944 fu anche gravemente danneggiato da un bombardamento e solo nel 2001, dopo un lungo restauro è ritornato ai vecchi splendori. Gli orari di apertura di Villa del Principe sono dalle 10:00 alle 18:00 e solo il sabato e la domenica.

(Palazzo Reale)

Il Palazzo Reale 

Per finire al meglio il tour di Genova non resta che visitare uno degli edifici storici più importanti della città, Il Palazzo Reale. Quello che chiamiamo oggi Palazzo Reale è in realtà una grande dimora patrizia edificata e decorata con splendore sia dai Savoia nell’Ottocento sia da due grandi dinastie genovesi, i Balbi e i Durazzo, tra la metà e la fine del Seicento. La visita inizia dall’atrio monumentale con stucchi settecenteschi al cortile d’onore, dal giardino pensile all’appartamento nobile al secondo piano. Il tour finisce con la Sala del Trono, il Salone da Ballo e la Galleria degli Specchi. Ammirare queste sale di rappresentanza tra affreschi, dipinti e arredi è un’esperienza che ti porta indietro nel tempo e ti fa respirare gli antichi fasti di una nobiltà ormai perduta. Le opere esposte sono dei migliori artisti genovesi del Seicento insieme a capolavori di Bassano, Tintoretto, Luca Giordano, Anton Van Dyck, Ferdinand Voet e Guercino.

Genova in 3 giorni: l’itinerario con le 10 cose da vedere                                                                                  

Ecco qui un riepilogo del nostro tour di tre giorni a Genova:

Giorno 1

Porto Antico

Acquario

Biosfera

 

Giorno 2

Galata Museo del Mare 

Sommergibile

Lanterna

Bigo

 

Giorno 3

Cattedrale San Lorenzo

Piazza De Ferrari 

Teatro Carlo Felice

Palazzo Ducale

Villa del Principe

Palazzo Reale 

(Esterno Stazione Brignole)

Come raggiungere Genova con il treno                                                                                                               

Visitare Genova in 3 giorni è possibile, anche a piedi. Non perdere l’occasione di fare un lungo weekend nel capoluogo ligure, raggiungibile in treno da Milano, Roma e Napoli, con 2 servizi quotidiani. Visita la pagina di destinazioni e orari per Genova e acquista il tuo biglietto Low Cost modificabile e risparmia. Ricorda inoltre che con Italo Treno gli over 60 possono avere sconti fino al 50%, che con Italo Famiglia i bambini di età inferiore a 14 anni viaggiano gratis e i ragazzi da 14 a 29 anni godono di sconti fino al 50%. Cosa aspetti a partire? La Superba ti aspetta.