Torino sotterranea e magica itinerario credits Robertino Radovix via flickr

Tra antiche cripte, infernotti e gallerie avvolte nelle tenebre, i brividi non mancano nella Torino sotterranea. Scopri con noi i suoi misteri.


Ricca di leggende, Torino è tra le città più misteriose d’Europa. Oltre le belle facciate dei palazzi e sotto il livello del suolo, infatti, nasconde un volto più oscuro: dopo averti suggerito l’itinerario per un Halloween diverso nella Torino magica, vogliamo accompagnarti ora alla scoperta dei suoi tesori sotterranei.

Andare oltre la superficie, per indagare un altro livello della realtà, può essere fonte di grande sorprese, come abbiamo visto con altri itinerari delle città sotterranee italiane come Napoli, Brescia e Bologna. Torino non è certo da meno. Sei pronto a fare un viaggio sorprendente tra cripte, infernotti e gallerie?

A tu per tu con la Torino sotterranea

Nota soprattutto per le sue bellezze architettoniche e per ospitare alcune delle residenze patrimonio UNESCO più fascinose del Piemonte, Torino è una città di luci e ombre. Sotto i suoi palazzi esiste una vasta rete di gallerie costruite per gli scopi più diversi: a scopo difensivo, per agevolare gli spostamenti di aristocratici e religiosi e, secondo la leggenda, per ospitare le cosiddette grotte alchemiche.

I “piani di sotto” dei palazzi barocchi celano locali invisibili detti infernottiinfernòt in piemontese –, adibiti a cantina e deposito per gli alimenti, ma anche a funzioni più misteriose. Si dice infatti che questi luoghi scavati nella pietra arenaria, dove il buio regna sovrano, fossero rifugio di carbonari e società segrete: a pensarci bene, tutt’altro aspetto assumono in penombra le grate visibili sopra i marciapiedi, da cui la luce filtrava di sotto, a illuminare i segreti della Torino sotterranea.

Le ghiacciaie torinesi

Come dicevamo, la funzione originaria degli infernotti era quella di cantina e dispensa: la visita alla Torino sotterranea non può tralasciare le ghiacciaie, locali costruiti a scopi commerciali per la conservazione del ghiaccio. Tra le più famose ci sono quelle di Porta Palazzo, oggetto di un progetto di riqualificazione firmato dall’architetto Massimiliano Fuksas.

Passeggiando all’interno del Centro Palatino è possibile ammirare le ghiacciaie ottocentesche, caratterizzate dalla tipica copertura a cupola, e gettare lo sguardo su un’epoca passata: un colpo d’occhio sorprendente.

Torino sotterranea credits MuseoTorino

© Museo Torino

Cripte e sepolcreti

Altra meta irrinunciabile di tour nella Torino sotterranea è la Chiesa della Consolata, tra gli edifici di culto più antichi della città: questo capolavoro barocco rivela infatti origini paleocristiane e venne eretto probabilmente sui resti di un tempio pagano.

In passato gli ecclesiastici – proprio come i nobili – utilizzavano i passaggi sotterranei per spostarsi in maniera più sicura e tenersi al riparo da sguardi indiscreti: dal Santuario della Consolata, in particolare, partivano due gallerie che si diramavano fino alla chiesa di San Domenico, sede dell’Inquisizione torinese.

Decisamente misteriosa è anche la storia del Duomo di Torino, sotto il quale sono stati rinvenuti i resti di tre basiliche paleocristiane e una necropoli con decine di scheletri di età medievale. Oggi è possibile visitare la chiesa sotterranea che sorge sotto la cattedrale – di dimensioni identiche a quelle del Duomo –, sede del Museo diocesano di Torino.

Dal buio alla luce

Come già accennato, la funzione delle gallerie era anche difensiva e nei tempi difficili gli abitanti poterono trovare rifugio nella città sotterranea: Torino custodisce decine di ricoveri e rifugio antiaereo utilizzati durante la seconda guerra mondiale per scampare alle bombe. Tra i più grandi c’è quello situato in Piazza Risorgimento, una dozzina di metri sotto il livello del suolo.

Calarsi nella Torino underground è un viaggio appassionante attraverso i secoli, ma prima o poi il desiderio di riemergere in superficie si fa sentire: magari, per godersi una serata a Torino tra musica dal vivo e birra artigianale, dove gustare le migliori produzioni locali e assaporare un’atmosfera piena di calore.

Cosa fare a Torino la sera - Birrificio Torino

© Birrificio Torino

A Torino con Italo

La Torino sotterranea è magica e ricca di spunti per gli appassionati di storia e di intrighi: se questo tour ti incuriosisce, puoi organizzare comodamente la tua visita con Italo, grazie ai numerosi treni per Torino in partenza dalle principali città. Sai che per esempio puoi raggiungere Torino da Roma in sole 4 ore e 40 minuti? L’itinerario culturale è da brivido, ma il viaggio super rilassante! 😊

 

Per la foto di copertina: © Robertino Radovix via flickr